Howto

Consigli utili per chi vuole passare a Linux

This post has already been read 915 times!

Fonte: Chimerarevo.com

Sempre più gente passa quotidianamente a una distribuzione GNU/Linux, abbandonando i sistemi chiusi e proprietari di Microsoft e Apple. Windows 10 è un buon sistema operativo ma è troppo “spione”, non è il sistema operativo da avere sui PC se amate proteggere la vostra privacy, così come i sistemi Apple, da sempre chiusi nella loro “gabbia dorata”. Ma se siamo alle prime armi con i PC e non sappiamo come muoverci nel mondo libero e open del pinguino, quali consigli possiamo seguire se cerchiamo di passare a Linux? Ecco la guida “for dummies” in cui troverete tutte le risposte che non avete mai osato chiedere. Da conservare e re-distribuire se volete contribuire al successo del pinguino in italia e nel mondo.

In ogni caso non dobbiamo temere nulla: ancor prima di passare a Linux in pianta stabile è possibile provare una distribuzione GNU/Linux in modalità Live senza installare nulla sul disco e senza modificare alcun file sul PC! Scarichiamo una distribuzione a piacere (possibilmente famosa e ben supportata), masterizziamola su CD/DVD o creiamo una chiavetta USB avviabile e facciamo partire la modalità Live; in questa modalità potremo provare il corretto funzionamento di tutte le nostre periferiche e valutare se conviene passare a Linux oppure bisogna informarsi prima su possibili problemi hardware.

Lista compatibilità

Ecco un elenco (non esaustivo) di produttori e dispositivi che vantano la compatibilità con Linux, utile in caso di scelta di un nuovo PC o di nuove componenti:

  • CPU: indifferente (ottimo supporto per i processori Intel e AMD)
  • Scheda video: preferite la grafica integrata Intel (driver open source) o se cercate più potenza una scheda video NVIDIA (con driver closed per Linux prodotto e mantenuto dal produttore stesso). Driver AMD open source promettente
  • Scheda audio: ottima compatibilità con le schede Intel, da valutare caso per caso con le schede Realtek (risoluzione problemi qui)
  • Disco rigido o SSD: indifferente
  • Periferiche USB 3.0: ottima compatibilità
  • Webcam: le recenti hanno un buon supporto, paradossalmente tra le migliori ci sono quelle targate Microsoft (lista compatibilità qui)
  • Stampante: molti produttori rilasciano driver per Linux, tra questi spiccano Canon, HP e Brother (lista compatibilità qui)
  • Scanner: anche in questo caso i produttori rilasciano un driver per Linux dedicato, con Canon e Brother tra le più attive (lista compatibilità qui)
  • Adattatore Wi-Fi: uno dei punti più cruciali! Intel è una garanzia, gli altri dipende dalla versione del chipset. Consiglio vivamente di visitare il sito con la lista della compatibilità delle schede wireless, in alcuni casi tale componente è problematica
  • Adattatore Bluetooth: come per il WiFi ci sono casi in cui non è garantito il perfetto funzionamento (specie con Realtek combo WiFi+BT).  Per la risoluzione dei problemi e la lista compatibilità consiglio di leggere la pagina d’aiuto
  • Dispositivi portatili: in generale la compatibilità è buona, ma è sempre meglio controllare la pagina d’aiuto dedicata

Come riemerge da questo elenco (ripeto non esaustivo) gli unici veri problemi in cui possiamo incappare sono relativi agli adattatori Wireless e al Bluetooth.

Se non volete smanettare basterà avere tutto “Intel-inside” sul PC e/o usare un cavo di rete per connettervi ad Internet (compatibilità configurazione 99%). Negli altri casi molto dipende dai componenti: il rischio di dover smanettare un po’ per trovare la soluzione è concreto, cosa che non tutti sono disposti a fare.

Compatibilità software

Quali software ci sono su Linux? Conviene effettuare il passaggio? Molto dipende dallo scenario d’utilizzo: per quello che si fa in casa Linux è perfetto, è quasi una scelta automatica!

Lista programmi disponibili

Ecco una lista (non esaustiva) di programmi e software in grado di aiutarci nella scelta di passare a Linux (sia software originali che alternative open source):

  • Browser: sono presenti Mozilla Firefox, Google Chrome, Chromium e Opera (tra quelli più famosi)
  • Client di posta: Thunderbird è onnipresente ed è una certezza
  • Media player: VLC, compatibile con qualsiasi formato audio/video
  • Torrent: Transmission è un client BitTorrent open source che svolte egregiamente il proprio compito
  • Suite d’ufficio: LibreOffice è una delle migliori soluzioni open e free attualmente disponibili sul mercato
  • File vari: file compressi, PDF e altri file possono essere letti senza installare altro software
  • Software di fotoritocco: GIMP offre svariati strumenti per modificare le foto e le immagini
  • Media center: Plex, uno dei migliori media center in circolazione compatibile con Chromecast
  • Media center per canali TV/streaming: Kodi, open source ed espandibile con innumerevoli add-on
  • Controllo remoto PC: Unified Remote, grazie alla comodissima app per smartphone possiamo simulare mouse e tastiera
  • Gioco: Steam, con tanti giochi anche AAA ormai disponibili su Linux

Abbiamo mostrato solo alcuni dei software disponibili su Linux che possono essere installati e che fanno la differenza nell’uso di tutti i giorni. Se cerchiamo qualche software specifico per Windows non disponibile su Linux o con controparti non all’altezza possiamo sempre usare Virtualbox con una macchina Windows o provare ad utilizzare Wine.

 

Microsoft Office

Altra questione molto sentita: LibreOffice (per molti utenti) non è all’altezza di Office, come posso utilizzare quest’ultimo su Linux? Ci sono varie strade percorribili:

  • Installare Office tramite Wine (non garantito il funzionamento);
  • Installare Office su una macchina virtuale Windows (Virtualbox);
  • Sfruttare Office Online (gratis) ed integrarlo in Linux.

Nell’ultimo caso possiamo integrare Office Online su Linux con pochi semplici passaggi. Se non riuscite a fare a meno di Office ma volete Linux sui vostri PC, è attualmente l’unica strada percorribile al 100% (in attesa che Microsoft si decida a renderlo compatibile con Linux).